cronologia

Il Modellismo

La Radio

L'Astronomia

 


Gli inizi


Ricordo con quale entusiasmo decisi di costruire il mio primo modello. Sembrava un'eternità il rientro a casa dopo l'acquisto dei disegni costruttivi della Amerigo Vespucci. All'entusiasmo iniziale fece seguito la delusione nel rendermi conto in che guaio mi ero cacciato...
Bastarono pochi sguardi alle tavole dei disegni per farmi capire che quel bravo uomo del negoziante aveva tutte le sue ragioni per sconsigliarmi come principiante un tale modello.
Fu un avvilimento, capii le difficoltà che avrei avuto contro, ma ormai era fatta.
Bisognava in una maniera o l'altra incominciare....e cosi fu.

Provai la stessa sensazione quando ottenni la licenza di radioamatore.
Ero già in possesso delle radio-ricetrasmittenti, quindi l'incubo di non poter operare ed installare le antenne senza la previa autorizzazione era finalmente finito. Quella patente con licenza ( oggi Autorizzazione ) con il nominativo ik8urc, mi permise finalmente di dedicare il mio tempo alle radiotrasmissione ed in primis quelle digitali.
L'alternarsi fra modellismo e radio divennero un vero connubio.

 

 

 

 Un po' di storia

 

Il modellismo navale statico, la radio.. per finire con l’Astronomia

Inizio ad avvicinarmi a questo hobby nel lontano 1975. Fu mio cugino Carlo ad invogliarmi a costruire il mio primo modello. Scelsi “l'Amerigo Vespucci”. Troppo impegnativo un tale lavoro per un principiante... dovetti ricredermi alle parole del negoziante dove acquistai i disegni costruttivi, infatti, mi sconsigliò tale modello come prima costruzione ma la sua bellezza e la voglia di iniziare furono più convincenti.

Che delusione... completai l’opera ma senza dubbio mi mancava la indispensabile esperienza costruttiva. Nonostante tutti "gli adattamenti" su quella prima nave mi ritenni soddisfatto di aver fatto tutto ciò, ripromettendomi di attingere informazioni sulle varie riviste e libri circa le fasi di costruzioni delle navi antiche. L'Amerigo Vespucci la regalai ad un mio collega di lavoro. Anno 1980.

Volevo conoscere le tecniche costruttive dei vecchi vascelli, le caratteristiche degli utensili utilizzati, il tipo di legname, la stagionatura e soprattutto la struttura e l’ossatura degli scafi. Misi in opera la costruzione di un vascello semplice "LA SANTA MARIA" prefiggendomi la costruzione del modello unicamente con legni stagionati e lavorazione a mano costruendomi, con opportuni piccoli attrezzi, i listelli di fasciame per il rivestimento dello scheletro. L’esperienza insegna… mai tralasciare un punto di riferimento importante: NON AVERE FRETTA DI TERMINARE IL LAVORO. Nel caso del modellismo navale statico, i danni sono enormi ed inevitabili. L’opera completata sarà un incrocio tra un’incompiuta ed un tentativo di riproduzione. Un altro aspetto…come dicono i saggi? “Non si possono servire due padroni”. Nel 1991 ottenni la licenza per radioamatore.

Le radiotrasmissioni sin dal lontano 1957 furono una mia passione. Seguito il corso di Radio tecnica alla Scuola Radio Elettra... arrivai fino alla costruzione del prova-valvole... un amico mi regalò una radio a galena dove per l'ascolto installai il mio primo dipolo fuori il terrazzino dell'appartamento... poi partii per la Germania.
Nel 1961 rientro in Italia... 1964 Il lavoro, la famiglia, fu un periodo questo, che non mi permisero di avere un hobby nei ritagli di tempo libero, i problemi erano tanti.
Anno 1991. Ora di hobby ne ho due. A capofitto sulla radio dove il campo delle conoscenze sono infinite. Non si finisce mai di imparare… Agosto del 2000. In ferie permanente 365 giorni l'anno.

Ecco cosa significa non si possono servire due padroni... o due hobby . Quello del modellismo prima e del radioamatore dopo. Ebbene vi dirò che se esse sono passioni generate in un periodo ove non mi era possibile realizzarle, per le ragioni dette, ed ora avere la possibilità di abbracciarle entrambi, possono convivere, per quanto mi riguarda, alla grande, per due ragioni: Sono preso dalla mia settima costruzione di un vascello di primo rango, la nave di Nelson la VICTORY scala 1.75.

Comporta una estrema pazienza, calma e buona volontà. STOP!! improvvisamente in un qualsiasi momento non riesci più ad avvicinarti al tavolo di lavoro, non ti attrae senti come se in quel momento provassi nausea, distacco... fermati non sforzarti a fare ciò che non dovresti fare e il momento di una pausa che può durare un giorno, un mese, un anno....che succede?
Lo saprai quando improvvisamente ti risentirai attratto da un qualcosa che hai rimasto momentaneamente in sospeso. Divorerai quella ripresa con una avidità tale da restarne sorprendentemente stupito!

Ora cosa faccio? Mi invento qualche lavoro in casa. Bene!... Pitturazione! qualche piastrella in cucina fuori posto....e così via... ma guarda un po' c'e' anche la stazione radio....se non sono attento inciampo su qualcosa...per precipitarmi e ricordarmi di controllare se il tutto è funzionante. CQ CQ ed eccomi in radio, in fonia con vecchi amici, traffico digitale la mia passione unita ai vari contest nazionali ed internazionali..... ed anche qui.. STOP! Improvvisamente un senso di stanchezza sembra come se la forza di accendere alimentatore, radio, computer... venga meno. E’ NAUSEA!! Non accendere nulla... non combineresti niente di buono. (dico sempre a me stesso) E' il momento di una pausa!!!! Definiamola così: Sono come due belle donne di cui sei attratto. Quanto sei stanco di una vai via con l'altra e viceversa. E' come il gioco dell'alternanza....
Per me funziona benissimo... essere "schiavo" di due padroni!!
Agli inizi del 2005 un terzo “padrone” entra a far parte della famiglia.
L’ Astronomia!! Questa scienza rientra nei momenti in cui con amici più esperti, nelle belle serate estive o invernali mi tengono per mano aiutandomi a capirci di più del meraviglioso e fantastico universo che ci circonda.