Il modellismo

 

Il modellista in camice bianco

Di tutte le forme di modellismo quello navale vanta indubbiamente le origini più antiche e le tradizioni più profondamente radicate.
Nel secolo scorso la figura del modellista navale si identificava con quella del vecchio marinaio a riposo che costruiva i suoi capolavori per lo più con attrezzi rudimentali e avvalendosi di lontani e sbiaditi ricordi.

Solo qualche decennio fa lo si considerava un anacronistico e un pò strano individuo le cui manie andavano tollerate con benevolenza.
Da allora molta acqua è passata sotto i ponti.
Il modellista navale ha, per così dire, messo il camice bianco. Si è tecnicizzato. Si avvale degli ultimissimi ritrovati dell'evoluzione tecnica, utilizza apparecchiature d'avanguardia messe a sua disposizione da una industria in rapida e continua evoluzione.

Oggi non vi è settore dell'industria e della ricerca che non si avvalga del modellismo come strumento di sperimentazione.
Inoltre le manifestazioni modellistiche hanno sempre più assunto un carattere internazionale che ha portato un copioso interscambio di notizie e di tecniche e di idee.

Da questa limitata panoramica risulta chiara la sempre maggiore necessità di modellisti navali ben preparati ed il conseguente crescente bisogno di libri tendenti ad approfondire sempre più la materia.